non c'è più - presenza / assenza: memorie

Acqua di terra - Terra di luna
... non c'è più
Presenza / assenza: memorie

 
Spettacoli al tramonto
 
Laboratori, drammaturgia, scelte musicali, regia di
Enzo Vetrano e Stefano Randisi
 
Progetto realizzato con il contributo di:
Assessorato alla Cultura dei Comuni di Imola, Borgo Tossignano, Casalfiumanese;
Regione Emilia – Romagna; Città Metropolitana di Bologna; Con.AMI; Fondazione Cassa di Risparmio di Imola.
Supporto logistico e tecnico:Associazione Culturale T.I.L.T. Trasgressivo Imola Laboratorio Teatro.
 
Per il terzo anno consecutivo, gli attori - registi Stefano Randisi ed Enzo Vetrano, dal 24 Aprile hanno diretto un intenso laboratorio presso il Teatro Lolli di Imola che ha coinvolto oltre trenta partecipanti: cittadini di tutte le età provenienti da Imola e Circondario, fino a Modena e Bologna.
Il tema della memoria “Non c'è più. Presenza / assenza: memorie”, messo a fuoco dai due registi con la collaborazione di Giuliana Zanelli e Renato Sartiani, è stato il nucleo iniziale, la spinta propulsiva di un percorso che si è nutrito delle personali esperienze dei partecipanti, della loro disposizione a liberare le emozioni, a lasciarsi coinvolgere nel percorso creativo che ora confluisce in spettacoli aperti al pubblico.
In programma dal 21 Giugno al 2 Luglio 2017 sei serate per quattro differenti spettacoli, quattro percorsi tematici guidati dai partecipanti al laboratorio: “La memoria personale”, “La storia”, “La poesia”, “La follia”. Si inizia a Casalfiumanese (Parco Manusardi) il 21 Giugno ore 20.00 con “La memoria personale”, Imola accoglierà quattro spettacoli all'Osservanza (Parco e Padiglioni) e Borgo Tossignano uno spettacolo sul Lungofiume.
C’è un modo di far nascere l’evento teatrale che muove dalla dimensione personale della memoria, viene condiviso entro un ambito ristretto, poi si allarga alla comunità e diventa infine storia di tutti, attori e pubblico. E così quel che non c’è più acquista un’altra modalità di esistenza attraverso il racconto e la rappresentazione. Negli spettacoli, ognuno focalizzato su un tema, saranno evocati, rappresentati e rivissuti fatti, persone e personaggi da condividere, conoscere, riconoscere.
 
Programma:
- Mercoledì 21 giugno ore 20.00 Parco Manusardi, Casalfiumanese: “La memoria personale”
- Giovedì 22 giugno ore 20.00 Parco dell’Osservanza, Imola: “La memoria personale”
- Domenica 25 giugno ore 20.00 Parco dell’Osservanza, Imola: “La storia”
- Mercoledì 28 giugno ore 20.00 Lungofiume,Borgo Tossignano: “La poesia”
- Giovedì 29 giugno ore 20.00 Parco e padiglioni dell’Osservanza, Imola: “La poesia
- Domenica 2 luglio ore 20.00 Parco e padiglioni dell’Osservanza, Imola: “La follia”.
Laboratori, drammaturgia, scelte musicali e regia:
Stefano Randisi e Enzo Vetrano
 
In scena:
Patrizia Ama, Stefano Baroncini, Letizia Bassi, Giuliana Cantalupo, Corrado Dal Pozzo, Primo Fabbioni, Paolo Facchini, Gianluca Famulari, Cristina Gallingani, Valda Garuti, Anna Genesio, Daniela Gentilini, Igino Gessi, Lorenza Ghini, Virna Gioiellieri, Valentina Laudadio, Cristina Luppi, Stefania Marinaccio, Fabia Milanesi, Costanza Minafra, Deangela Minardi, Vania Moretti, Paolo Pagani, Beatrice Paoletti, Orlando Rana, Agostino Rocca, Olesia Tratin, Greta Tossani, Luigi Tranchini, Mirna Turrini, Lina Velardi, Miranda Zaccarini, Giuliana Zanelli.
 
Ingresso gratuito.
Info:
info@tiltonline.org
www.diablogues.it
 
 
Enzo Vetrano e Stefano Randisi
Di Enzo Vetrano e Stefano Randisi, imolesi da decenni, registi e attori di vasta esperienza, non si può dire in breve. Notizie circostanziate su formazione e carriera sul sito www.diablogues.it.
Qui si ricordano alcuni riconoscimenti ottenuti: del 2007 è il premio ETI- Gli Olimpici del Teatro come miglior spettacolo per Le smanie per la villeggiatura di Carlo Goldoni realizzato insieme ad Elena Bucci e Marco Sgrosso; del 2011 il premio Le Maschere del Teatro Italiano con lo spettacolo I Giganti della Montagna di Luigi Pirandello.
Il premio Hystrio-Act è stato loro conferito nel 2010 per il lavoro tra ricerca e tradizione.
Altri riconoscimenti alla carriera sono stati nel 1988 il premio Palermo per il Teatro ricevuto dalle mani del sindaco Leoluca Orlando. Vent’anni dopo è stata la volta del premio Imola per il Teatro.
In questi giorni grandi apprezzamenti e successo sta avendo il loro spettacolo Assassina, di Franco Scaldati, con il quale si conferma la particolare sintonia esistente tra di due attori-registi e l’autore palermitano, già rivelatasi con il precedente Totò e Vicè.
 
 Locandina non c'è più - presenza/assenza: memorie
 
 
Ufficio stampa:
Caterina Grandi
t. 338 7180813